La vita è un Cardellino

Posted on 08/09/2014 by cesare del prato in Attività

2014-09-07 22.24.23

“… Ma il quadro mi ha anche insegnato che possiamo comunicare l’un l’altro a distanza di secoli. E sento di avere qualcosa di molto serio e urgente da dirti, mio insistente lettore, e sento che devo dirtelo immediatamente come se ci trovassimo della stessa stanza. Che la vita – qualunque cosa sia – è breve. Che la natura (intesa come Morte) vince sempre, ma questo non significa che dobbiamo inchinarci e prostrarci al suo cospetto. Che forse anche se non siamo sempre contenti di essere qui, è nostro compito immergerci comunque: entrarci, attraversare questa fogna, con gli occhi e il cuore ben aperti. E nel pieno del nostro morire, mentre ci eleviamo al di sopra dell’organico solo per tornare vergognosamente a sprofondarvi, è un onore e un privilegio amare ciò che la morte non tocca. Perché se disastro e oblio hanno inseguito il quadro attraverso il tempo – così ha fatto l’amore.”

(Donna Tratt – Il Cardellino. Trad. Mirko Zilhai de’ Gyurkyokai. Ed Rizzoli)

Queste frasi alla fine di un bel libro che ho letto quest’estate, mi hanno fatto venire in mente perché anche quest’anno sarei stato a scrivere su questo sito per riavviare le attività ormai ventennali dell’acmt.

Perché alla fine io credo che sopratutto in periodi come questo, tra crisi economica, incertezze di ogni ordine e grado, una sorta di voglia di fuga che si percepisce chiaramente per ogni dove, sia fondamentale mantenere dei punti fermi. E per quanto mi riguarda un punto fermo è fare musica e raccogliere attorno ad essa tutte le persone che sono interessate a questo è cercare di interessare e coinvolgere nuove persone.

Perché come da citazione precedente “nel pieno del nostro morire è un privilegio amare ciò che la morte non tocca” e dunque condividere l’immortalità dei più grandi musicisti, l’immortalità di un tema musicale senza tempo è un modo per attraversare il tempo, ciò ce oltre questo, solo l’amore può fare.

Lo so, a volte è complicato riuscire a trovare le energie dentro di noi, a me capita di chiedermi a volte  con angoscia, perché non mi vengono le idee, sopratutto dopo un breve periodo di vacanza, mi sento vecchio e svuotato; ma è fondamentale reagire, porsi dei bei problemi da risolvere,  agire e progettare, perché  avere un progetto è la massima forma di libertà, pare.

E di progetti ne abbiamo molti qui nell’acmt, con i nostri cori, il seminario di interpretazione vocale, alcuni corsi e progetti in collaborazione con le scuole primarie di Monteverde e Trastevere. Abbiamo in programma alcuni concerti per il prossimo periodo natalizio e poi la programmazione della prossima rassegna di concerti che festeggerà il ventennale delle nostre attività.

Per questo abbiamo bisogno di tutti voi che con entusiasmo e passione siete “il contenuto” di questa associazione. Grazie a voi alla vostra spinta emozionante, al vostro desiderio di musica e di bellezza anche quest’anno ricomincerà mo a fare musica con slancio creativo.

Dunque da oggi riapriamo i battenti. Da questa settimana ricomincerà con le prove dei nostri cori e a breve sul sito verranno pubblicati sia i programmi dei cori di quest’anno sia le proposte circa le varie altre attività.

Buon anno a tutti!

p.s. condividi questo articolo!

cesare

 

Lascia un Commento

  • ACMT su Twitter

    @ACMarcoTaschler on Twitter
  • Video su YouTube.