Giovanni Candia

Posted on 14/09/2011 by cecca in Giovanni Candia

Giovanni Candia nasce nel 1984 a Sapri (SA). Fino all’età di diciannove anni vive a Tortora Marina, piccolo paese dell’alto tirreno cosentino, successivamente si trasferisce a Roma. Inizia a suonare la chitarra all’età di dieci anni sotto la guida del chitarrista Pasqualino Fulco. In un primo momento ascolta e suona musica rock e pop, prevalentemente musica prodotta negli anni ’60 e ’70 (Beatles, Hendrix, Led Zeppelini, ecc…), successivamente si avvicina al soul, al funk e al jazz.

Nel 2003 decide di proseguire gli studi universitari e musicali a Roma. Si iscrive quindi alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana e al Saint Louis College of Music. Cercando di coiugare il più possibile questi due ambiti di studio, nel 2006 si laurea con una tesi sulle origini della musica afroamericana e nel 2008 consegue la laurea specialistica discutendo una tesi sul jazz moderno.

Per quel che riguarda gli studi musicali, al Saint Louis College of Music studia chitarra jazz con Dario Lapenna, armonia con Pierpaolo Principato, improvvisazione jazz con Claudio Colasazza, arrangiamento con Bruno Biriaco, ear-training con Marco Siniscalco, lettura con Claudio Ricci, solfeggio con Franco Canfora, storia del jazz con Marcello Rosa. Frequenta inoltre numerosi laboratori di musica d’insieme con Emilio Merone, Antonio Solimene, Claudio Colasazza, Stefano Sabatini. Nel 2008 e nel 2011 inoltre partecipa ai seminari “Roma jazz’s cool” tenuti da musicisti jazz di fama internazionale.

Nel corso degli anni ha la possibilità di maturare esperienza live e in studio, suonando in diverse formazioni di matrice prevalentemente jazzistica. Attualmente è impegnato come autore e chitarrista in due progetti jazz (un trio e un quartetto) che propongono un repertorio originale. Dal 2009 all’attività di musicista affianca quella di didatta, insegnando chitarra presso l’ACMT.

Lascia un Commento

  • ACMT su Twitter

    @ACMarcoTaschler on Twitter
  • Video su YouTube.